DEFENDER GIOVINAZZO C5, DEBUTTO DA URLO: 4-0 AL CATANZARO

Quattro gol segnati (due di Silon Junior, uno a testa per Mongelli e Menini) e nemmeno uno subìto, debutto da urlo e col vestito delle serate migliori.
Il Defender Giovinazzo C5 privo di Binetti asfalta il Futsal Catanzaro all’esordio nel girone C di serie A2, dando spettacolo e conquistando il primo successo stagionale.

La squadra di Faele che schiera Piscitelli, Ferreira Praciano, Menini e Silon Junior davanti a Di Capua parte meglio e al primo affondo è già in vantaggio: Silon Junior, da fuori area, batte Vallarelli con un mancino rasoterra e bagna il suo esordio in maglia biancoverde con il gol dell’1-0 al 2. Poco dopo il duello si rinnova, ma stavolta l’estremo calabrese si salva in angolo. Ci vuole, sull’altro versante, un Toma più che attento per tenere sul pezzo il quintetto giovinazzese: usa l’anticipo in scivolata per intercettare un pallone diretto ad Acchioni, poi è Di Capua a volare per negare il gol del pari a Zappala che prova ad incrociare dal binario di sinistra. I padroni di casa, però, non ci mettono molto a carburare: Mongelli, al 13, gira in gol un assist dal fondo di Ferreira Praciano (2-0), poco dopo Zappala intercetta con il braccio (molto largo) un angolo di Piscitelli. È rigore, per i due direttori di gara, che Silon Junior, al quarto dora, trasforma con la freddezza di un veterano: 3-0 al riposo.

La partita sembra già apparentemente chiusa e, anche nei primi minuti della ripresa, procede a senso unico con il Defender Giovinazzo C5 che attacca, ma non sfonda, e il Catanzaro che si difende, limita i danni e non riesce proprio a prendere le misure alla squadra di casa. I palloni utili per i biancoverdi aumentano e, di conseguenza, anche i problemi per la retroguardia ospite: sul doppio tentativo verso lo specchio di Piscitelli, Vallarelli si fa trovare pronto, poi è Ferreira Praciano a peccare di precisione. Palla alta. Il quintetto di Barbuto, col passare dei minuti, esce dal guscio, limita le azioni dei locali e inizia a farsi vedere sull’asse Zappala-Steinwandter (conclusione fuori misura), con una conclusione di Zappala (facile preda di Di Capua) e infine con Ferrari, servito da Gonzalez: pallone sul fondo. A mettere una pietra tombale alla partita, al 18, con il gol del 4-0 è Menini, servito da Ferreira Praciano.

Finisce 4-0 con il Defender Giovinazzo C5 che lentamente toglie il piede dal pedale dell’acceleratore e, al triplice fischio, festeggia il primo successo stagionale.
Il debutto è biancoverde. Fortissimamente biancoverde. Chapeau.